Mensile dell'
Associazione
Bancaria
Italiana


anno 73
 

Archivio sommari » Bancaria - Aprile 2017 » Obiettivo qualità dei dati. L’intelligenza artificiale per un «archivio cognitivo»

Obiettivo qualità dei dati. L’intelligenza artificiale per un «archivio cognitivo»

di Andrea Martellone, Marco Gazzo
Aprile 2017 - n. 4
Keywords: Banche, Intelligenza artificiale, Big data, Data quality
Jel codes: G21, G28, O30

Le pressioni regolamentari, tecnologiche e competitive hanno spinto gli intermediari finanziari più evoluti a trasformare il governo delle informazioni, diventate sempre più fonte di vantaggi competitivi. L'utilizzo dei Big Data per evolversi in vere e proprie info-driven company rende sempre più urgente l'attivazione di un presidio strutturato e real time lungo tutto il ciclo di vita. Per adeguare gli strumenti di Data Quality al nuovo paradigma di cognitive archive, l'introduzione di sistemi esperti di Artificial Intelligence possono garantire una gestione automatizzata della qualità del dato e un intervento by exception da parte dei data manager.

Acquista il fascicolo