Mensile dell'
Associazione
Bancaria
Italiana


anno 73
 

Archivio sommari » Bancaria - marzo 2013 » Le implicazioni di lungo termine della crescita dei requisiti di capitale per le banche

Le implicazioni di lungo termine della crescita dei requisiti di capitale per le banche

di Vincenzo Chiorazzo, Pierluigi Morelli, Giovanni Battista Pittaluga
Marzo 2013 - n. 3
Keywords: requisiti di capitale, struttura del capitale, capitale azionario delle banche
Jel codes: G21, G28

Questo articolo contribuisce alla letteratura sugli effetti di cambiamenti nei requisiti di capitale per tre motivi: in primo luogo, in parallelo con il concetto di finanza pubblica di saldo primario «stabilizzante», si introduce il concetto del Roa stabilizzante. In secondo luogo, attraverso una verifica empirica su un campione di banche italiane per il periodo 2007-2012 si dimostra che il teorema di Modigliani e Miller non è pienamente valido, visto che la crescita del requisito patrimoniale determina una crescita del costo medio ponderato del capitale. Infine con un modello bancario stilizzato e calibrato e una serie di simulazioni si dimostra che una crescita dei requisiti regolamentari è sostenibile solo in un contesto di aumento strutturale dei margini di profitto della banca

Ti interessa questo articolo?

Acquista il fascicolo