Mensile dell'
Associazione
Bancaria
Italiana


anno 73
 

NEWS » La ricerca sulle Banche in Italia: quali prospettive?

La ricerca sulle Banche in Italia: quali prospettive?

Che cosa studiano i professori di Economia degli intermediari finanziari? A cosa prestano attenzione? Danno un contributo al progresso del sistema finanziario?

Questi interrogativi appartengono al tempo stesso alla discussione sulla «professione del professore universitario», sulla carriera accademica, sulla valutazione della ricerca scientifica e, più in generale, sul funzionamento delle Università, anch'esse - come le banche - decisive per lo sviluppo di un paese e oggetto di critiche.

Una nuova ricerca a cura di Alessandro Carretta, pubblicata sul numero 11 di Bancaria, ha esaminato un ampio campione di articoli scientifici pubblicati su Bancaria, nella sezione Forum, nel periodo 2009-2017. Le tematiche di Economia degli intermediari finanziari più trattate dagli autori di Bancaria sono state proprio quelle sui profili gestionali, organizzativi e regolamentari dell'attività bancaria e finanziaria, confermando il rapporto storico tra gli economisti bancari e la rivista dell'ABI.

In prospettiva, per l'autore è importante rafforzare l'identità e la rilevanza dell'Economia degli intermediari finanziari. Tra le possibili proposte:

  • accrescere la sensibilità della comunità scientifica italiana verso il "real impact factor", l'indicatore che cerca di misurare l'impatto effettivo e le implicazioni gestionali dei lavori scientifici; 
  • intensificare la collaborazione tra i ricercatori e le banche, anche per creare e utilizzare database imprescindibili per produrre ricerche riconosciute a livello internazionale e in grado di presentare in modo rigoroso le specificità del settore finanziario italiano, consentendo alle banche italiane una più fedele rappresentazione delle proprie specificità nell'ambito dell'Unione Bancaria; 
  • mappare gli studi di Banca e Finanza per acquisire e diffondere una visione d'insieme delle conoscenze disponibili e individuare prospettive di ricerca davvero rilevanti; 
  • riproporre impianti di ricerca di ampio respiro, un tempo frequenti, che possano chiarire e disseminare il «pensiero» dell'Economia degli intermediari finanziari e risultino utili per il progresso del sistema finanziario, dell'economia e della società.

Consulta l'articolo completo

 


Torna all'elenco delle news