Mensile dell'
Associazione
Bancaria
Italiana


anno 73
 

Archivio sommari » Bancaria - Giugno 2015 » Il ruolo dell’Investment banking nelle operazioni di M&A: evidenze empiriche pre e post Lehman

Il ruolo dell’Investment banking nelle operazioni di M&A: evidenze empiriche pre e post Lehman

di Vincenzo Capizzi, Renato Giovannini
Giugno 2015 - n. 6
Keywords: Investment banking, M&A, creazione di valore, crisi finanziaria
Jel codes: G21, G11, G34, G33

Il ruolo delle banche d’affari nell’ambito delle operazioni straordinarie – e soprattutto delle fusioni e acquisizioni (M&A) – è stato ampiamente indagato dalla dottrina; in particolare, il contributo offerto nell’individuare, selezionare e strutturare i migliori deal (Superior Deal Hypothesis) e nel certificare, con la propria reputazione, la validità degli stessi (Certification Effect). L’obiettivo del presente lavoro è quello di verificare se e in quale misura la Superior Deal Hypothesis e il Certification Effect abbiano subito degli effetti successivamente al fallimento della Lehman Brothers attraverso lo studio della relazione fra il valore creato per gli azionisti e la reputazione delle banche incaricate come advisors. Emerge come l’effetto reputazionale delle principali banche d’affari sia più evidente nel periodo post Lehman. Inoltre, i ritorni post Lehman sono positivi sia per la target sia per la bidder, evidenziando così l’esistenza di una Superior Deal Hypothesis

 

Acquista il fascicolo