Mensile dell'
Associazione
Bancaria
Italiana


anno 73
 

Archivio sommari » Bancaria - febbraio 2012 » Il Kiid: l’informazione agli investitori, tra aspetti positivi e criticità

Il Kiid: l’informazione agli investitori, tra aspetti positivi e criticità

di Riccardo Ferretti, Enrico Rubaltelli
Febbraio 2012 - n. 2
Keywords: Kiid, Ucits, trasparenza
Jel codes: G23, G28

Dal 1° luglio 2011, nei paesi Ue il Prospetto Semplificato che accompagna il collocamento degli Ucits, gli strumenti collettivi per la gestione del risparmio, tra cui i fondi comuni mobiliari, è stato sostituito dal Key Investor Information Document (Kii o Kiid), un documento di due pagine A4 che riassume, nella forma più semplice e comprensibile possibile, le informazioni essenziali per un investimento consapevole. Il preoccuparsi della forma delle informazioni riconosce l’importanza di come un dato o un problema vengono «incorniciati» (effetto framing) e testimonia come le autorità di vigilanza stiano iniziando a plasmare la normativa su una figura di investitore non astratta ma reale.

 

 

Ti interessa questo articolo?
Acquista il fascicolo