Mensile dell'
Associazione
Bancaria
Italiana


anno 73
 

Archivio sommari » Bancaria - Ottobre 2018 » Alla ricerca della ricerca perduta: viaggio dallo stile ai contenuti

Alla ricerca della ricerca perduta: viaggio dallo stile ai contenuti

di Mario La Torre
Ottobre 2018 - n. 10
Keywords: Ricerca, economia, finanza
Jel codes: G20, B40, A10

Bancaria nel corso del 2017 ha ospitato le riflessioni dell’Adeimf, di Elena Beccalli e Alessandro Carretta sulle prospettive, sulla rilevanza e l’utilità sociale della ricerca economica e finanziaria e più in generale sul senso delle attività di ricerca, di insegnamento e di contributo alla diffusione di conoscenze e valori all’interno della società. La discussione che si è sviluppata ha dato conto della varietà di posizioni nella comunità scientifica, dei fattori di cambiamento intervenuti nei metodi della ricerca e della capacità degli studi economico-finanziari di fornire strumenti interpretativi della realtà di riferimento. Interrogandosi sul senso, l’originalità, la significatività dei risultati e sull’adeguatezza del metodo. Sul solco del dibattito che si è sviluppato, e in linea con la mission della rivista di analizzare la realtà in modo rigoroso e innovativo, Bancaria dà nuovamente voce alle riflessioni della comunità scientifica ospitando il contributo al Convegno estivo Adeimf del 2018 di Mario La Torre, che intraprende un affascinante viaggio alla «ricerca» di una nuova stagione della ricerca, con l’obiettivo di individuare una bussola di riferimento per orientarsi tra le tante sfide concrete che i ricercatori affrontano nella ideazione e nello sviluppo del loro lavoro. Lo smarrimento dell’identità autoriale, l’omologazione delle prospettive di ricerca e delle pratiche investigative, l’impoverimento delle conclusioni raggiunte, la perdita di identità della stessa comunità scientifica rischiano, secondo l’autore, di condurre a una sorta di spettacolarizzazione della cultura alla quale occorre reagire per riconquistare l’identità autoriale, una ricerca di valore e anche per liberare i giovani ricercatori dai tristi confini di un’allucinazione scientifica di massa. Per ravvivare l’ambizione che ogni lavoro possa essere letteratura.

 

Acquista il fascicolo